nart 5 - La Sveglia

Vai ai contenuti

Menu principale:

nart 5

 

L’amore non muore

Mi è capitato di riflettere, in un momento di grande buio, sul senso del prolungamento forzato della vita, sul suo mantenimento artificiale nonostante l’incedere violento e irreparabile di thanatos.                                                                                                                                            Si trattava di mia madre, non di una persona qualunque.                                                                                                                                              Rispetto alla persona qualunque, avrei potuto consumare pagine sublimi di filosofia morale, in difesa della vita sempre e a tutti i costi.                                                                                                                                                                                                                                         La vita e la morte, invece, sono eventi, fatti incastonati nella fenomenologia del qui e dell’adesso.  E allora cominciai a pensare che la cosa essenziale era preservare la poesia della vita. Mi interrogai a lungo su questa intuizione, che a tratti mi appariva come una specie di deviazione estetica. Ma non trovai altra soluzione.                                                                              Mi chiesi perché Dio non rispondeva, consumai notti a pensare al suo silenzio stravagante. Poi una sera - una delle ultime per la scienza medica - presi la mano di mia madre e lei mi guardò, dicendomi a bassa voce di lasciarla andare. Me lo chiese con occhi invocanti dopo giorni di interminabili singhiozzi e urla, seppur trattenute, di dolore. Lasciami andare, l’amore non muore.                                                                                                                                                                                      Fu un momento di grande poesia, nonostante la notte.                                                                                                                                        Lasciandola andare avrei preservato in lei la poesia della vita.                                                                                                                               Compresi come d’incanto che anche di fronte alla morte bisogna essere generosi: consegnare e consegnar – Si.
Come Cristo sulla Croce.                                                                                                                                                                                             Avevamo percorso tutte le vie possibili: dieci anni di Calvario in attesa di una resurrezione impossibile. L’unica possibile era quella promessa da Gesù Cristo.                                                                                                                                                      Non so ancora oggi se ho consegnato mia madre al nulla.                                                                                                                                                    Non credo.                                                                                                                                                                                                                                       So solamente di averla amata tanto, nella vita e nella morte.                                                                                                                                        Ho solo chiesto alla scienza medica, di fronte alla presa d’atto di una morte ormai imminente, di ridurre il carico di dolore di mia madre, che già aveva tanto sofferto, e di accelerarne se possibile la fine.                                                                                                               Non è una cosa facile lasciare andare qualcuno che si ama.                                                                                                                                     Quelle urla trattenute a fatica io non le dimentico, mi perseguitano in continuazione.                                                                                            Sono i versi dell’ultima poesia scritta da mia madre.                                                                                                                                                          Una bellissima poesia d’amore.                                                                                                                                                                                                             Lasciami andare, l’amore non muore.   
Giacomo Paris

Torna ai contenuti | Torna al menu