Le notizie dalla scuola - La Sveglia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le notizie dalla scuola


12-11-16      NOVITA'!!

 
 

Gli articoli in ordine:


 

Intervista al prof. Gualandris, nuovo Preside dei Licei dell’Opera

Grandi cambiamenti al Santalex! L’inizio dell’anno scolastico 2015/2016 è coinciso con una svolta epocale per la scuola: i licei dell’Opera Sant’Alessandro sono stati unificati sotto un’unica presidenza. Chiamato a dirigere la nuova realtà scolastica il professor Domenico Gualandris, storico e indimenticabile insegnante di Matematica del Sant’Alessandro per molte generazioni di studenti e, per alcuni anni, preside dell’Istituto Sacro Cuore di Villa d’Adda. Pur mantenendo ancora la propria identità e i propri indirizzi peculiari, i Licei Classico e Scientifico del Sant’Alessandro e il Liceo Linguistico della Capitanio, si propongono di fondere sempre di più le proprie caratteristiche e competenze per creare un’offerta formativa in grado di intercettare e soddisfare i continui e rapidi cambiamenti della società contemporanea.
Buongiorno, professor Gualandris. L'anno scolastico che si è da poco concluso l'ha vista alla guida dei Licei dell'Opera Sant'Alessandro. Quali sono i suoi pensieri sull'anno trascorso?


CONTINUA A LEGGERE...


 

NIENTE DI QUESTO MONDO CI RISULTA INDIFFERENTE

Uno dei primi capitoli dell'Enciclica Laudato Sì di Papa Bergoglio reca questa citazione classica: "niente di questo mondo ci risulta indifferente". Ho voluto che diventasse il riferimento di tutte le scuole dell'Opera S.Alessandro per questo anno scolastico. I motivi per riprendere l'enciclica sono stati molteplici. Le nostre scuole vedevano chiudersi il 2015 con l'esperienza di Expo: cosa ne sarebbe rimasto? Inoltre il contenuto dell'enciclica, per quanto raccomandabile in sé a una scuola cattolica, lo è ancora di più se si considera la forte valenza di richiamo alle dimensioni scientifiche coinvolte nella profonda analisi posta all'attenzione di tutti gli uomini.
Mi pareva un'occasione troppo importante per rimanere estranea alla scuola che è anzitutto luogo di cultura e di interesse per il presente.
Il rischio di ridurre questo intento ad un generico richiamo moralistico o una posticcia raccomandazione catechetica ci ha spinto fin dalle prime battute a cercare di muoverci facendoci "aiutare" da più linguaggi, da ambiti differenti, da protagonisti competenti interpellati evitando la pregiudiziale ideologica.
Così, se da un lato si sottoponeva agli studenti la questione della responsabilità ambientale, contemporaneamente non è mancata la conoscenza approfondita di realtà produttive del settore chimico facendo nascere un confronto realistico, problematizzante ma non astratto e moralistico.


CONTINUA A LEGGERE...


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu